Sabato 17 febbraio 2018
Sala Verde ore 15:00 – 18:30

STORIE PROFONDE
Le caverne tra scienza e turismo

A cura di IIPP – Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria

Ingresso libero e gratuito


15:00
Roberto Maggi già Soprintendenza Archeologica della Liguria Introduzione

15:15
Marta Zunino direttore scientifico Grotte di Toirano

«Le grotte di Toirano (Sv) tra ricerca e turismo»

15:35
Luigi La Rocca soprintendente SABAP Città metropolitana di Bari

Giorgio Manzi ordinario Antropologia alla Sapienza Università di Roma
Francesca Radina archeologa SABAP Città metropolitana di Bari
«La grotta di Lamalunga e l’uomo neandertaliano di Altamura (Ba): dalla ricerca alla valorizzazione»

16:10
Adriana Moroni ricercatrice Dipartimento di Scienze fisiche, della Terra e dell’Ambiente – Università di Siena

«La fruizione della grotta della Cala a Marina di Camerota (SA)»

16:30  Pausa

17:00
Elisabetta Flor assistente tecnico Sezione Preistoria del MUSE – Museo delle Scienze di Trento

«Riparo Dalmeri. Fruizione turistica di un riparo sotto roccia in territorio montano»

17:20
Rossella Giglio soprintendente BB.CC. Trapani

Massimo Cultraro primo ricercatore CNR IBAM – Catania
«La grotta del Genovese a Levanzo: quale valorizzazione?»

17:40
Felice Larocca presidente Centro Regionale di Speleologia “Enzo dei Medici” 

«La Grotta della Monaca a Sant’Agata di Esaro (Calabria): un sito archeologico sotterraneo con una formula di fruizione turistica ecocompatibile»

18:00
Gaia Pignocchi archeologa ricercatrice indipendente

«La frequentazione delle grotte della Gola di Frasassi e della Rossa (An) nella preistoria tra ricerca archeologica e speleologia»


Ingresso libero e gratuito